Dente devitalizzato: tutto quello che devi sapere

dente-devitalizzato-1.jpg

Il dente devitalizzato

Quando un dente si ammala, o per un granuloma, o per altre patologie, è necessario, a volte, ricorrere alla devitalizzazione. Si dice infatti dente devitalizzato.

La devitalizzazione di un dente è un trattamento che permette la cura di denti gravemente compromessi, dove è stata danneggiata la polpa dentale, come nel caso di carie profonde o traumi e rotture.

Questa tecnica, pur essendo un trattamento irreversibile, permette di evitare l’estrazione del dente (un dente devitalizzato non può tornare vitale ma sarà pur sempre un nostro dente naturale a tutti gli effetti).

 

La devitalizzazione non è dolorosa

La devitalizzazione oggi, grazie agli anestetici e ai nuovi strumenti, è praticamente indolore, ma continua a terrorizzare i pazienti che devono sottoporsi a questo trattamento.

Consigliamo sempre di chiedere ai nostri odontoiatri, durante la prima visita, ogni informazione o dubbio su questo intervento. In questo modo modo è possibile avere le risposte di un esperto che fugherà ogni dubbio sulla devitalizzazione.

 

Come avviene la devitalizzazione dentedente-devitalizzato-fasi

La devitalizzazione è un intervento di endodonzia, cioè legato al tessuto interno dei denti. Gli odontoiatri la chiamano comunemente terapia canalare. Il procedimento è diviso in molteplici passaggi:

– Svuotamento del dente: i canali del dente vengono svuotati e disinfettati meticolosamente.

– Sigillo del canale dentale: a questo punto si procede sigillando i canali dentali con materiali biocompatibili o cementi, così da proteggere il dente da un’eventuale infezione. Viene solitamente utilizzata la guttaperca, una gomma naturale derivata dalla linfa dell’omonimo albero. Viene anche usata una diga di gomma, grazie alla sua capacità di isolare il dente trattato dal resto del cavo orale, nonché di agevolare l’azione del dentista e ridurre il rischio di infezioni.

Posso avere dolore dopo la devitalizzazione del dente?

A volte accade che i denti possano dare dolore anche dopo essere stati devitalizzati. Questo spiacevole inconveniente può avvenire sia quando il dente è appena stato devitalizzato, oppure qualche tempo dopo.

È importante distinguere le due circostanze:

  • Se il dente è stato devitalizzato da poco. Il fastidio che si avverte è normale, perché l’utilizzo della strumentazione può aver irritato il dente, trasportando materiale infetto oltre l’apice della radice. In questo caso, nel giro di qualche giorno, il fastidio sparirà.
  • Se il dente fosse stato devitalizzato già da un po’ di tempo. Il problema potrebbe essere di altra natura. Uno dei problemi potrebbe essere una eccessiva pressione a cui è sottoposto il dente durante la masticazione o durante la notte, se il paziente ha l’abitudine di serrare i denti durante il sonno (bruxismo).

Teniamo conto che, con l’intervento di devitalizzazione, viene rimossa soltanto la polpa del dente e non i recettori di pressione, quindi il paziente può avvertire il fastidio dovuto ad una eccessiva pressione sul dente stesso.

Allo stesso modo si può provare dolore quando vi è un’infiammazione o un’infezione batterica in corso, ciò può avvenire ad esempio quando rimangono dei batteri all’interno dopo la cura canalare.

 

Dente devitalizzato rotto e altre problematiche connesse

Ci può essere dolore quando un dente si frattura per uno shock, un trauma, quando si infiamma il legamento che tiene uniti dente e osso, oppure quando si infiamma un nervo o un seno mascellare vicino al dente.

Possiamo dire che quando un dente devitalizzato fa male, non è sempre a causa di un trattamento non corretto da parte del dentista, ma è comunque importante rivolgersi a lui per accertare le cause del perdurante fastidio.

Se il trattamento canalare è stato eseguito correttamente e non è rimasto materiale infetto nel canale, la causa del perdurare del dolore anche a molti giorni dall’intervento può essere dovuta anche ad una lesione interna alla radice o alla perdita del sigillo coronale.

In questi ultimi casi, il dentista saprà eseguire gli opportuni interventi e prescrivere le terapie mirate alla risoluzione del problema. Questo per evitare di arrivare alla piorrea o ad altri inconvenienti che porterebbero alla perdita del dente, costringendoci a ricorrere ad interventi di implantologia.

 

Domande? Curiosità o necessità? Per essere ricontattato inserisci i tuoi dati:

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————

Hai bisogno di aiuto?

I nostri odontoiatri esperti sono a tua completa disposizione per una visita conoscitiva.

PRENOTA LA TUA VISITA >

logo-etica-footer