THE BRUSHER: “1.000 Ragioni per smettere di digrignare i denti”

shutterstock_698895799-1-1200x505.jpg

Spesso viene detto di non digrignare i denti o viene semplicemente consigliato un bite, ma vi hanno mai spiegato perché si digrignano i denti?

Digrignare i denti può essere una conseguenza dello stress, ma spesso può dipendere anche dalla genetica.

Durante il digrignamento dei denti si produce un’enorme quantità di forza ed energia che supera fino a 3-6 volte la pressione che applichiamo durante la masticazione del cibo.

  • È facile trovare segni sui denti?

Quando le persone digrignano i denti le cuspidi subiscono dei danni, diventano gradualmente più piatte e lucide e perdendo volume. É dimostrato che una persona può serrare la bocca più volte durante il sonno fino ad un tempo massimo di 60 minuti.

– Il digrignare i denti è collegato al russare?

Alcune persone presumono che chi digrigna i denti di conseguenza non “russi”, purtroppo non è così. In realtà il digrignamento è un evento momentaneo ed è dimostrata una correlazione con il “russare”.

  • C’è un punto di non ritorno?

Più tempo passa prima di intervenire più i danni arrivano in profondità. Una volta consumato lo smalto ed in parte la dentina, sarà necessaria l’applicazione della corona su ogni dente che presenta danni irreparabili.

Poiché non si può smettere di digrignare i denti volontariamente l’unica arma di difesa è una “guardia notturna”: il Bite.

Se hai riscontrato le problematiche trattate in questo articolo non perdere altro tempo, prenota subito una visita conoscitiva presso uno dei nostri Centri.

Compila il modulo con i tuo recapiti e prenota una visita conoscitiva non vincolante

 

logo-etica-footer